giovedì 25 febbraio 2010

Aria di primavera...





Ciao ragazze!! In questi giorni il tempo si è fatto un pochino più mite, qualche raggio di sole comincia a fare capolino e io ho decisamente voglia di primavera. Ho cambiato il vestitino del blog dandogli un aspetto decisamente più primaverile e ho inserito come foto di intestazione quella della mia cagnolona dell'infanzia, Gaia. Gaia era un meraviglioso bobtail (o "old english shepherd dog", per dirla come gli addetti ai lavori) ed è stato con noi per quattordici meravigliosi anni, dal 1983 al 1997. Mio padre aveva portato a casa Gaia quando aveva solo nove mesi, era una cucciolona perfettamente sana ma dei padroni sconsiderati l'avevano portata da lui in ambulatorio perché la sopprimesse, erano stufi di questo ex tenero cucciolo ormai di quasi trenta kg, comprato come regalo di Natale per dei bambini che non le avevano voluto bene un solo giorno. Gaia viveva in un terrazzino di un metro per un metro, da sola venti ore al giorno, nutrita solo con avanzi e cappuccino (infatti aveva una diarrea terribile e il suo intestino non è mai più tornato a posto). Mio padre di rifiutò di sopprimerla e chiese di poterla avere lui, se loro erano così intenzionati a disfarsene. Insomma, quella sera Gaia entrò in casa nostra e non ne uscì mai più. Mio padre ci mise alcuni mesi a farle ritrovare un equilibrio, era paurosissima, incapace di gestire i suoi bisogni corporali, per i suoi primi sei mesi in casa nostra dormì esclusivamente sotto il letto dei miei genitori, sobbalzando ad ogni minimo rumore, ma era dolcissima e molto intelligente, quindi riuscimmo a farle superare tutti quei traumi.Gaia era l'ombra di mio padre e la mia ombra, io non ricordo un solo giorno della mia infanzia in cui lei non fosse accanto a me, era veramente una "nanny dog", come dicono gli inglesi.
La primavera era la sua stagione, perché era nata di maggio, perciò la nuova veste primaverile del blog è tutta per lei!
E non riesco a non mettermi a piangere, pensando a lei, accidentaccio!!! Meno male che non potete vedermi mentre scrivo ;-)
A presto,
Hi girls, I'm feeling the spring in the air, I hope spring will arrive soon, so I change my blog's look to welcome spring. The dog in the photo is Gaia, my English Shepherd Dog I had when I was a child. My father saved her from mad owners and she was so lovely and sweet. She stayed with us 14 years (1983 - 1997) and we loved her very much. Thinking about her makes me cry, always... and this Spring dress is dedicated to her!
Hugs, Valeria

14 commenti:

Dori ha detto...

bellissima la tua Gaia e anche il vestitino primaverile del blog. Anch'io non ne posso più di questa pioggia e anche se non amo il caldo non vedo l'ora che venga un po' di sole. ciao

Chiarettafiorellino ha detto...

Ciao Valeria..che bella storia! Per fortuna al mondo ci sono persone come voi!
Che hanno detto i tuoi alunni delle foto dei bambini georgiani?
Ciao..un bacio!
Chiara.

zigzago ha detto...

Mi è piaciuto la storia del tuo cane, adoro i cani e sopratutto quelli grandi. Purtroppo esistono delle persone egoiste e egocentriche che non sono capace di voler bene.
Ti auguro un buon fine settimana, Renata.

Chiarettafiorellino ha detto...

Sono proprio felice..grazie a te di avermi aiutato!
Un bacione...Chiara.

Federica ha detto...

sei riuscita a far commuovere pure me. Gaia ha conosciuto non padroni, ma schiavisti terribili, ma poi ha avuto la fortuna di trovare non padroni, ma una famiglia che le ha regalato una buona, lunga, serena vita. Per questo era la vostra ombra: lo sentiva, e vi ringraziava ricambiando i vostri sentimenti.
I precedenti personaggi che l'hanno avuta e non apprezzata... forse si saranno trovati bisognosi di cure e abbandonati a se' stessi, ma non so se avranno imparato la lezione...
Buona primavera prof!
Fede

l'angolo dellemargherite ha detto...

ciao vale e bentornata tra di noi grazie del passaggio e poi lo sai ti voglio tannnnntooooo bene un bacione anna

Silvia ha detto...

ohhhh ma che tenera!!!! povera cucciola, e chissa quanti altri cuccioli fanno la sua fine. è tremendo pensarci soprattutto per persone come noi che quando li perdiamo soffriamo tanto
ciao silvia

Dany ha detto...

Ciao Vale!! ti capisco benissimo... e tu lo sai... la tua Gaia mi ricorda proprio Nana la "nanny dog" di Peter Pan, immagino quanto era dolce! speriamo proprio che domenica sia bello!! e spero che Le mie bubi si comportino "decorosamente".. Certo che ti porto a vedere il libro, se ti iscrivi al candy di Yummy Mummy (vedi mio blog) c'è in palio quel libro, magari lo vinci.. e ti ringrazio per i complimenti alla mia "diciamo Tilda" :-) bacioni a tutti!!!!

Francesca ha detto...

la tua storia mi ha colpito, purtroppo tanta gente è convinta che un animale sia un peluche da acquistare e mettere su di un mobile. Invece è un impegno grandissimo e l'amore che ti danno non ha eguali.
Fortuna che Gaia ha incontrato la vostra famiglia.
baci baci

Katiuscia ha detto...

bellissima Gaia! è un amore questa foto! chissà quanta compagnia ti avrà fatto! hai fatto bene a dedicarle il blog! un abbraccio, katy

Laura ha detto...

Che cara Gaia! Come si fa a non commuoversi? Sono sicura che nel suo paradiso dei cani ti starà guardando con il sorrisetto, felice che tu le abbia dedicato questa nuova veste del tuo blog!

Nadianne ha detto...

Hai fatto piangere anche me! (per furtuna la dolcissima Gaia ha incontrato il tuo papà!!!)
Ti mando un bacione con tutto il mio affetto!!!

Fiammamelia ha detto...

La storia che hai raccontato è commovente e la tua Gaia è stata davvero fortunata a capitare nell'ambulatorio di tuo padre. Anni fa ho visto un bobtail ed è una razza davvero speciale

ROSA ha detto...

ciao luisa,
volevo informarti che sei la vincitrice di un premio... il link http://kreattiva.blogspot.com/2010/03/awards.html spero che tu non l'abbia ancora ricevuto baci rosa